Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

23 sfumature di verde

Gira e gira, sempre lì si va a finire: vuoi riqualificare uno spazio? Abbellire un quartiere? Ripensare una periferia?

Per prima cosa inizia a piantarci degli alberi.

Non è solo una questione estetica ma ambientale, microclimatica, culturale, sociale. Gli studi che dimostrano che il verde aiuta a vivere meglio e a concentrarsi, che nei luoghi verdi è minore il numero dei suicidi e persino degli incidenti automobilistici, sono ormai numerosi. Gli alberi, se sono numerosi, mitigano le temperature estreme (in particolare quelle estive) portando refrigerio nelle nostre roventi città. Al tempo stesso abbattono alcuni inquinanti dell’aria, ma fanno anche ombra e creano luoghi piacevoli in cui socializzare.

 

millealberi2

 

Dal recupero di un rapporto equilibrato tra natura e architettura sono partiti anche il giapponese Sou Fujimoto e il francese Manal Rachdi, della OXO Architects, per ripensare uno dei 23 siti , per un totale di 150mila metri quadrati, che il sindaco di Parigi ha individuato lanciando con il concorso d’idee Réinventer Paris un appello per progetti urbani innovativi.

Non è un caso se il progetto’Mille alberi’, le cui immagini vi mostro in questo post, somiglia a un’arca di Noè, in cui la vita è pronta per ricominciare dopo un disastro. Uguale a prima, eppure diversa.

 

millealberi

 

Gli altri 22 vincitori? Inutile dirlo: sono 22… sfumature di verde.